Categorie
Note di Lunedì

Gassmann blues, Piero Umiliani per I soliti ignoti di Monicelli

[Note di lunedì n.153] Per la colonna sonora del film I soliti ignoti Mario Monicelli scelse un giovane musicista fiorentino di nome Piero Umiliani. Monicelli voleva una colonna sonora di impianto completamente jazzistico, una scelta decisamente inusuale per l’epoca. Analizziamo il tema principale intitolato Gassmann Blues.

Categorie
Note di Lunedì

Freddy Cole, I’m Not My Brother I’m Me

[Note di lunedì n.152] Freddy Cole, fratello più giovane del grande Nat, è stato un ottimo musicista che si è esibito per quasi cinquant’anni con il suo trio, fino alla sua scomparsa avvenuta circa un anno fa all’età di 89 anni. Nel suo brano I’m Not My brother I’m Me, Freddy racconta in modo ironico…

Categorie
Note di Lunedì

Robert Johnson, They’re Red Hot. Tra blues e minstrel show

[Note di lunedi n. 135] Robert Johnson è una leggenda del blues. Morto a soli 27 anni, di lui ci restano una manciata di registrazioni nelle quali canta accompagnandosi con la chitarra, nel classico stile del Delta blues. Una di queste registrazioni è però molto diversa dalle altre: un brano sorprendente dal titolo They’re Red…

Categorie
Note di Lunedì

Chick Webb, Blues in My Heart

[Note di lunedi n.131] Chik Webb è stato uno dei primi grandi batteristi jazz, la sua carriera è stata breve ma a lui si sono ispirati numerosi batteristi: Buddy Rich, Gene Krupa, Sid Catlett, Jo Jones e altri gli hanno reso omaggio e lo consideravano un maestro. Ascoltiamo la sua orchestra che suona Blues in…

Categorie
Note di Lunedì

Louis Armstrong, Mahogany Hall Stomp. Tre giri di blues per capire il jazz

[Note di lunedi n. 129] Mahogany Hall Stomp è un pezzo tradizionale di New Orleans dedicato ad uno dei più famosi e lussuosi bordelli di Storyville. Il brano è un esempio perfetto del jazz delle origini. Louis Armstrong, con i suoi tre giri di blues, sembra volerci spiegare come funziona il jazz.

Categorie
Note di Lunedì

John McLaughlin, Arjen’s Bag

Arjen’s Bag, John McLaughlin e il jazz inglese [Note di lunedì n.111] Nello stesso anno in cui prese parte al capolavoro di Miles Davis In a Silent Way, il chitarrista John McLaughlin realizzò un bellissimo album da solista intitolato Extrapolation, accompagnato da musicisti inglesi come lui. Ascoltiamo ed analizziamo Arjen’s Bag.

Categorie
Note di Lunedì

Tony Williams, Footprints

Footprints, Tony Williams sulle orme di Miles Davis [Note di lunedi n. 110] Nella sua versione originale Footprints è un brano d’avanguardia, al tempo stesso la semplicità del giro armonico lo ha trasformato in un brano da jam session, alla portata di tutti. E’ difficile pensare ad un altro pezzo nel quale coesistano queste opposte…

Categorie
Note di Lunedì

Dollar Brand e Johnny Dyani, Ntsikana’s Bell. Due voci dall’Africa profonda

[Note di lunedì n. 104] La musica di Dollar Brand è densa di spiritualità e ci porta i suoni della sua terra nativa, il Sud Africa. Insieme al contrabbassista Johnny Dyani, Dollar Brand esegue un duetto dedicato al profeta cristiano Ntsikana, che fu tra i primi a tradurre e spiegare le idee cristiane alla popolazione…

Categorie
Note di Lunedì

Jackie McLean, Hip Strut

Hip Strut, una maniera originale di suonare il blues [Note di lunedì n.94] Jackie McLean è una delle voci di sax alto più originali e moderne, forse quella che più di ogni altra ha proseguito le sperimentazioni di Charlie Parker. Hip Strut è un ottimo esempio della sua singolare collocazione, tra tradizione e futuro. Si…

Categorie
Note di Lunedì

Hot Lips Page, Thirsty Mama Blues

[Note di lunedì n.80] Una classica storia blues, un uomo disperato… ma non troppo La figura del fannullone che rimane a casa a bere mentre la moglie lavora per mantenere la famiglia è ricorrente nel blues. In determinati periodi storici era infatti più facile trovare lavoro per una donna nera, come serva, che non per…