Categorie
Lezioni

Capire la musica per improvvisare meglio: la forma negli standard jazz

Gli standard jazz tendono a riproporre schemi e successioni armoniche ripetitive. E’ importante capire bene come sono organizzate queste successioni di accordi e la struttura dei brani nel loro insieme. Potrai così suonare in modo più rilassato, e di conseguenza più creativo. In questa lezione parleremo dunque di forma e struttura negli standard jazz.

Categorie
Lezioni

Musica tonale e musica modale: che differenza c’è

Qual è la differenza tra modale e tonale? Spesso analizzando gli standard jazz distinguiamo brani modali e tonali, lo stesso accade parlando di improvvisazione: esiste l’improvvisazione modale e l’improvvisazione tonale. Proviamo dunque a spiegare la differenza tra musica modale e musica tonale, facendo qualche esempio concreto.

Categorie
Lezioni

La modulazione in musica: cos’è, a cosa serve

La modulazione è un movimento di accordi tramite i quali un brano musicale si sposta da una tonalità all’altra. La modulazione viene impiegata molto spesso nel repertorio della musica classica e jazz, mentre si usa di meno nel rock e nel pop, dove i brani di solito rimangono nella tonalità iniziale per tutta la loro…

Categorie
Lezioni

Le qualità del suono: come funziona il timbro.

Il timbro è quella qualità del suono che ci consente di individuare una fonte sonora e distinguerla da qualunque altra. A differenza di altezza e intensità, il timbro non è misurabile su una scala ed è difficile da definire, tanto che spesso si ricorre all’espressione “colore del suono” che è ancora più confusa. Proviamo allora…

Categorie
Lezioni

Intensità e pentagramma: la dinamica

In una precedente lezione abbiamo visto che l’intensità di un suono o di un rumore dipende dall’ampiezza della vibrazione, la quale a sua volta dipende dalla forza con cui viene sollecitato il corpo che genera la vibrazione. Ad esempio,  se pizzico la corda di una chitarra con più o meno forza, la corda suona sempre…

Categorie
Lezioni

L’intensità del suono, o volume

Perché percepiamo alcuni suoni più forte ed altri più piano? In che modo il nostro orecchio percepisce i suoni? In una recente lezione abbiamo preso in considerazione la prima qualità del suono, l’altezza. La seconda qualità del suono che analizziamo si chiama invece intensità. E’ questo il termine tecnico corretto, tuttavia spesso utilizziamo anche il…

Categorie
Lezioni

Altezza del suono e notazione, come funziona il pentagramma

Come funziona il pentagramma? A cosa servono le cinque linee da cui è composto? Il pentagramma serve in primo luogo per scrivere l’altezza e la durata del suono, ma contiene altre indicazioni che lo rendono un sistema quasi perfetto.

Categorie
Lezioni

Le qualità del suono: altezza

In questa lezione parliamo di una delle principali qualità del suono: l’altezza. La scienza classifica i suoni in acuti e gravi, mentre in musica preferiamo parlare di suoni alti e bassi. I due punti di vista sono leggermente diversi, proviamo a scoprire perché.

Categorie
Lezioni

Che cos’è una scala musicale: scala maggiore, scala pentatonica ed altre scale

Che cos’è una scala musicale? Chi suona uno strumento è abituato a studiare le scale, tuttavia il concetto di scala ha implicazioni ben più vaste della sola tecnica. In questa lezione affrontiamo in generale le scale da cinque a otto suoni, in particolare la maggior, le scale minori e la scala pentatonica.

Categorie
Lezioni

George Russell e il Lydian Chromatic Concept

Nel Lydian Chromatic Concept of Tonal Organization (1953) George Russell mette al centro del sistema tonale la scala lidia, al posto della tradizionale scala maggiore. Il suo sistema è stato di grande stimolo a un’intera generazione di jazzisti, che l’hanno utilizzato per cercare di ampliare il linguaggio delle loro improvvisazioni. Vediamo come funziona.