Categorie
Note di Lunedì

Gassmann blues, Piero Umiliani per I soliti ignoti di Monicelli

read-this-lesson-in-English

[Note di lunedì n.153] Per la colonna sonora del film I soliti ignoti Mario Monicelli scelse un giovane musicista fiorentino di nome Piero Umiliani. Monicelli voleva una colonna sonora di impianto completamente jazzistico, una scelta decisamente inusuale per l’epoca. Analizziamo il tema principale intitolato Gassmann Blues.

L’impiego del jazz nella musica per il cinema era in europa una novità, ricordiamo che nello stesso 1958 il regista francese Louis Malle volle in studio di registrazione Miles Davis, che suonò la colonna sonora di Ascensore per il patibolo in presa diretta, mentre scorrevano le immagini del film.

Il tema principale scritto da Piero Umiliani per il film di Monicelli si intitola Gasmann Blues ed ha la forma tipica di un blues di 12 misure, un blues in modo minore.

Il tema principale di Gassmann blues, di Piero Umiliani
Il tema principale di Gassmann blues, di Piero Umiliani

A separare le classiche strofe del blues, Umiliani inserisce un episodio di 8 misure. Questo semplice riff è molto interessante perché spezza il normale flusso del blues, rendendo la musica più frammentata e sospesa, e dunque perfetta per commentare le scene e l’azione del film.

In queste otto misure riconosciamo inoltre una soluzione ritmica interessante, il motivo ha una durata di tre misure e viene sovrapposto al tempo di 4/4, creando un effetto di scomposizione ritmica. Nello spartito qua sotto è evidenziata la frase di tre misure, che si ripete tre volte.

Gassmann blues, riff poliritmico
Gassmann blues, riff poliritmico

Nella ripresa, il tema principale di Gassmann Blues è armonizzato, ecco la trascrizione della doppia linea melodica.

Gassmann blues, tema armonizzato
Gassmann blues, tema armonizzato

Piero Umiliani dimostra in questo pezzo di essere un ottimo musicista jazz e di conoscere le finezze del repertorio americano. Inoltre usa gli strumenti con grande sapienza, durante il pezzo spesso ascoltiamo zone più rarefatte, come al minuto 1’30” dove batteria e contrabbasso rimangono soli.

Nella seconda parte del brano ascoltiamo anche il vibrafono, e in alcuni momenti un accenno di improvvisazione collettiva che quasi ricorda certe sonorità dell’orchestra di Charles Mingus. Al minuto 2’30” il pezzo modula al modo maggiore, decisamente più adatto a commentare la comicità delle scene del film.

lo spartito de I soliti ignoti
La copertina dello spartito de I soliti Ignoti

La musica jazz e l’improvvisazione ben si adattano a questi grandi attori. E’ noto ad esempio che Totò spesso improvvisava nei suoi film. Anche dietro la direzione di un maestro come Mario Monicelli, ad attori eccezionali come Vittorio Gasmann e Marcello Mastroianni doveva essere consentita una certa libertà. Proprio come accade nella musica jazz, dove anche in un’orchestra il solista può sempre improvvisare durante il suo assolo.

Il primo incontro tra musica jazz e commedia all’italiana fu dunque ben riuscito, Gassmann blues e gli altri brani scritti da Piero Umiliani per I soliti ignoti esaltano la regia di Mario Monicelli e la recitazione di Totò, Gassmann e Mastroianni. Ognuno a modo proprio, questi grandi interpreti hanno sicuramente swing, proprio come i migliori musicisti jazz.

Scarica lo spartito di Gassmann blues di Piero Umiliani

Scarica lo spartito

Il sito internet di Piero Umiliani: http://www.umiliani.com/

Aiutami a diffondere l'amore per la musica