Categorie
Note di Lunedì

Flamenco Sketches, il jazz modale e la forma aperta

[Note di lunedì n.148] Flamenco Sketches è un brano tratto dall’album Kind of Blue, un capolavoro di Miles Davis interamente dedicato alla musica modale. Tra le diverse scale modali, assumono particolare rilievo il modo frigio e la scala flamenco, da qui il titolo della composizione di ispirazione ispanica. Abbiamo trascritto ed analizzato gli assoli di Miles Davis e John Coltrane su Flamenco Sketches.

Categorie
Lezioni

Musica tonale e musica modale: che differenza c’è

Qual è la differenza tra modale e tonale? Spesso analizzando gli standard jazz distinguiamo brani modali e tonali, lo stesso accade parlando di improvvisazione: esiste l’improvvisazione modale e l’improvvisazione tonale. Proviamo dunque a spiegare la differenza tra musica modale e musica tonale, facendo qualche esempio concreto.

Categorie
Note di Lunedì

Les Baxter, Busy Port. Musica Exotica, un antenato della New Age

[Note di lunedì n.136]

Les Baxter è uno dei più importanti rappresentanti della exotica, un genere di musica di moda negli anni ’50. La musica “esotica” si ispirava in modo vago alle sonorità di luoghi lontani e affascinanti: le isole del pacifico, l’oriente, il sud America. Ascoltiamo Busy Port, tratto dal più noto album di Les Baxter, Ritual Of The Savage.

Categorie
Lezioni

George Russell e il Lydian Chromatic Concept

Nel Lydian Chromatic Concept of Tonal Organization (1953) George Russell mette al centro del sistema tonale la scala lidia al posto della tradizionale scala maggiore. Il suo sistema è stato di grande stimolo a un’intera generazione di jazzisti, che l’hanno utilizzato per cercare di ampliare il linguaggio delle loro improvvisazioni. Vediamo come funziona.

Categorie
Note di Lunedì

John Coltrane, Acknowledgement

Acknowledgement, il cammino spirituale di John Coltrane.

[Note di lunedì n.90]

Acknowledgement è il primo brano dell’album A Love Supreme, una suite in quattro movimenti nel quale John Coltrane racconta la sua conversione religiosa. Un viaggio spirituale che è anche un percorso musicale originale ed innovativo.

Categorie
Note di Lunedì

Herbie Hancok, Maiden Voyage

[Note di lunedì n.85] Maiden Voyage è il titolo di un brano e di un album di Herbie Hancock, un disco piuttosto inusuale perché trae ispirazione da un tema non proprio tipico della musica jazz: il mare.

Categorie
Note di Lunedì

Jaco Pastorius, Kuru-Speak Like a Child

Note di lunedì n.63 Jaco Pastorius, il basso elettrico è protagonista

Jaco Pastorius con il suo basso elettrico fretless suonava irresistibili linee di basso ma anche accordi e suoni armonici, trasformando il basso in strumento solista. Al suo primo album partecipò anche Herbie Hancock, che portò il suo Speak Like a Child. Un brano in cui accadono molte cose…

Categorie
Note di Lunedì

John Coltrane, My Favorite Things

[Note di lunedì n.47] John Coltrane e i cari vecchi standards

Diciotto mesi dopo aver partecipato alla registrazione del celebre album Kind Of Blue, John Coltrane incide My Favorite Things e prosegue nella direzione di quel primo viaggio capitanato da Miles Davis: il jazz modale. A differenza di Davis, John Coltrane non compone brani originali ma interpreta e trasforma i cari vecchi standards.

Categorie
Note di Lunedì

Cannonball Adderley, Autumn Leaves

[Note di lunedì n.37] Autumn Leaves, uno standard jazz piuttosto giovane

Autumn Leaves è entrata nel repertorio jazzistico piuttosto tardi, la versione originale francese risale al 1946, mentre quella in inglese si affermò verso la metà degli anni ’50. Da questo punto di vista, Autumn Leaves è uno standard giovane, infatti la maggior parte del repertorio jazzistico risale come minimo agli anni ’40, se non a prima.

La canzone ha la classica forma AABA ed un’armonia semplice ma efficace. Il brano si apre con una lunga introduzione modale su un unico accordo di Gm7 e sulla scala di G dorico. Il E♭ presente in chiave viene infatti regolarmente annullato dalle alterazioni transitorie (♮) sia nel pedale suonato dal piano e dal basso, sia nelle note dei fiati, la scala che ne risulta è appunto una scala minore dorica.

Cannonball Adderley Autumn Leaves, introduzione modale
Cannonball Adderley Autumn Leaves, introduzione modale

Dopo l’introduzione, Miles Davis espone il tema con le note lunghe e sospese che caratterizzano il suo stile (0’52”). Seguono gli assolo di Cannonball Adderley (2’04”), di Miles (4’20”) e di Hank Jones (6’40”). Il pianista privilegia il registro centrale dello strumento e frasi spaziose, di grande semplicità e bellezza. Dopo la ripresa del tema (7’45”) è ancora il pianista ad improvvisare, su un pedale finale simile a quello introduttivo (8’59”).

Lo sviluppo del brano è paradossale dal punto di vista della dinamica: invece di crescere di intensità, gli assoli sono suonati progressivamente sempre più piano, fino alla coda che è ancora più esile e rarefatta.

  • 1° solo 2’04”   sax f                                   
  • 2° solo 4’20” tromba mf
  • 3° solo 6’40” pianoforte mp
  • coda 8’59” piano/tromba p

Un’esecuzione magistrale nella quale le note sono delicate e lievi come le foglie che nel testo inglese di Johnny Mercer cadono volteggiando, fuori dalla finestra.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Questo brano fa parte della lista Come imparare 100 standard jazz e del Corso di improvvisazione jazz

Note-di-lunedi-Rubrica-di-analisi-musicale-Jazz-e-Rock
art by Valentina Veschi

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz e rock: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana… e conoscere meglio la musica.