Categorie
Note di Lunedì

Sidney Bechet, Sweet Georgia Brown

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

[Note di lunedì n.99] Sweet Georgia Brown, quando i pezzi jazz avevano pochi accordi

Sweet Georgia Brown è una canzone che risale al 1925, quando il jazz muoveva i suoi primi passi. Il pezzo è diventato uno standard jazz molto popolare e Miles Davis ne ha utilizzato il giro armonico nel suo brano Dig. Ascoltiamo un’ interpretazione di Sidney Bechet, un vero maestro del jazz delle origini.

Il repertorio degli anni ’20 è più semplice e melodico rispetto al jazz successivo, tuttavia Sweet Georgia Brown è un caso isolato quanto a rarefazione degli accordi: non sono molti i pezzi jazz che hanno un solo accordo ogni quattro misure. Vediamo la progressione armonica di Sweet Georgia Brown.

Sweet Georgia Brown - Sidney Bechet quadro armonico
Il quadro armonico di Sweet Georgia Brown

Osserviamo che in tutta la prima parte si susseguono accordi di settima. Si tratta di una serie di dominanti secondarie concatenate. Sul finale gli accordi si infittiscono, fino ad uno per misura.

Una delle peculiarità del jazz delle origini è la preminenza dell’insieme sul singolo solista, in questa versione notiamo che nella prima esecuzione del tema i fiati si sovrappongono, suonando tutti insieme linee perfettamente intrecciate. Segue la serie degli assoli, cominciando dal pianista Buddy Weed.

Sweet Georgia Brown - solo di Buddy Weed
L’assolo del pianista Buddy Weed su “Sweet Georgia Brown”

L’assolo è costruito principalmente su arpeggi e frasi cromatiche ascendenti di tre note. Buddy Weed esegue un solo chorus di improvvisazione, così come Jonah Jones alla tromba e Jimmy Archey al trombone. Sidney Beceht esegue invece due chorus al sax soprano, dal leader della band ci si aspetta infatti più di un solo “giro” di assolo.

Il finale è ancora corale ed è una vera e propria esplosione di energia. Sidney Bechet è rimasto fedele al jazz delle origini e ne è stato uno dei più grandi ambasciatori in Europa, dove ha soggiornato per lunghi periodi.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Note-di-lunedi-Rubrica-di-analisi-musicale-Jazz-e-Rock
Art by Valentina Veschi

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz e rock: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana… e conoscere meglio la musica.

Ti può interessare

  • Lost Life è una ballad molto originale, dal sapore ispanico. Art Pepper non suona mai le lunghe frasi di semicrome tipiche dei sassofonisti bebop
    Art Pepper Lost Life
  • I Remember Clifford è una ballad struggente e bellissima scritta da Benny Golson in memoria di Clifford Brown, scomparso in un incidente.
    Benny-Golson-I-Remember-Clifford
  • Storica voce dell'orchestra di Duke Ellington, Ben Webster iniziò imitando Coleman Hawkins, sviluppando poi un linguaggio più personale
    Ben-Webster