Categorie
Note di Lunedì

Roberto Murolo, ‘O Ciucciariello

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

[Note di lunedì n.42] Roberto Murolo e la canzone classica napoletana

Roberto Murolo è stato un grande interprete della canzone popolare napoletana, alla quale ha dedicato anni di studio e ricerca. Poche città hanno dato alla musica popolare italiana un contributo paragonabile a quello di Napoli, ascoltiamo ed analizziamo una graziosa canzone dal titolo ‘O Ciucciariello.

Del brano ‘O Ciucciariello Murolo ha scritto le parole, mentre la musica è di Nino Oliviero. La canzone è del 1951 e descrive con poche efficaci pennellate un carrettiere che confida le proprie delusioni d’amore all’asinello che tira il suo carretto.

Il brano è tripartito ed ha il classico ritmo di tarantella, un tipico tempo composto in questo caso di velocità moderata. Il primo motivo è in tonalità di Do minore e scende cromaticamente:

Roberto Murolo O Ciucciariello, parte A
Roberto Murolo O Ciucciariello, parte A

Il secondo motivo vede una modulazione alla relativa maggiore Mi bemolle, in questo caso la melodia è ascendente:

Roberto Murolo O Ciucciariello, secondo motivo
Roberto Murolo O Ciucciariello, secondo motivo

Il ritornello è ancora in modo maggiore, questa volta in Do. La melodia è placida e calma, non esprime ansia o dolore; l’uomo trova conforto nel confidarsi con il fedele asinello.

Roberto Murolo O Ciucciariello , ritornello in DO maggiore
Roberto Murolo O Ciucciariello , ritornello in DO maggiore

Le tre sezioni del brano si susseguono nell’ordine ABC ABC A e la canzone si conclude così come era iniziata:

‘Ncopp’a na strada janca e sulagna,
‘mmiez’a ll’addore e a ll’aria ‘e campagna,
na carretta piccerella,
chianu chiano, se ne va. Su una strada bianca e solitaria,
tra l’odore e l’aria di campagna,         
un carretto piccolino,
piano piano, se ne va.

La ripetizione della strofa iniziale alla fine del brano crea un senso di ciclicità, di ritorno: il carretto passerà ancora e ancora su quella strada solitaria, ci saranno altri innamorati tristi e delusi ma anche nuovi amori e, forse un po’ di felicità.

Questa interpretazione di Roberto Murolo è straordinaria, la registrazione un po’ sciupata non rende onore alla pulizia della sua esecuzione, sia vocale che strumentale. In più di un’occasione Murolo rallenta fino quasi a fermarsi (0’40”, 1’10”, 1’59”), con grande effetto drammatico. Poesia, musica, teatralità si incontrano creando una piccolo capolavoro della musica popolare napoletana.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Note-di-lunedi-Rubrica-di-analisi-musicale-Jazz-e-Rock
art by Valentina Veschi

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz e rock: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana… e conoscere meglio la musica.

Ti può interessare

  • Ma mi è una canzone di Giorgio Strehler, musicata da Fiorenzo Carpi. Ornella Vanoni la registrò per prima, ma fu Enzo Jannacci a farne un suo classico
    enzo-jannacci-canta-ma-mi
  • Noel Rosa è uno dei padri della Musica Popolare Brasiliana. Canta la vita dei miserabili, le loro sventure, la poesia della vita
    Noel-Rosa
  • Roberto Menescal ha contribuito alla nascita della bossanova. La sua versione di Garota di Ipanema è però molto più vicina al jazz
    Roberto-Menescal-e-seu-conjunto-Garota-de-Ipanema