Categorie
Note di Lunedì

Paul Desmond, Wendy. L’arte del contraffatto jazz

English flag
Read in English

[Note di lunedi n. 105] C’è un genere di composizioni che nel jazz si chiamano contraffatti. Niente di illegale: si tratta di pezzi costruiti usando il giro armonico di brani già esistenti. Wendy di Paul Desmond appartiene a questa categoria, infatti gli accordi sono ricavati da For All We Know, una canzone del 1934.

Il tema di Wendy ha forma ABAC ed è ben proporzionato: la melodia sale nelle prime otto misure [A] da Si♭ sotto il rigo a Do sul terzo spazio, scende nelle otto successive [B] da Fa sul quinto rigo a Si♭ sotto il rigo.

Questo movimento ascendente-discendente si ripete nella seconda metà del brano, ovvero nelle parti [C] ed [A]. A seguire lo spartito con indicati in giallo il punto di partenza ed in rosa il punto di arrivo delle quattro sezioni del brano.

Wendy - Paul Desmond analisi della melodia
La nota iniziale (in giallo) e finale (in rosa) delle quattro sezioni del brano

Il senso melodico di Paul Desmond non si esprime solo nel tema. Il suo assolo inizia come una tipica improvvisazione, con una frase di semicrome (1’40”). Invece di proseguire su questo registro, o magari di intensificare ulteriormente il fraseggio, nelle misure successive Paul Desmond dilata le sue frasi e sembra quasi inventare un nuovo tema.

Wendy - Paul Desmond assolo prima parte
L’assolo di Paul Desmond inizia con frasi di semicrome

Il sassofonista prima introduce un elemento melodico composto da due crome + terzina di crome, evidenziato in giallo sullo spartito. Paul Desmond suona poi un secondo elemento formato da nota ribattuta + intervallo di sesta ascendente, in rosa nello spartito.

Wendy - Paul Desmond assolo seconda parte
Le due idee melodiche principali nell’assolo di Paul Desmond su Wendy

Paul Desmond suona in modo molto diverso dai musicisti bebop. Invece di suonare fitte frasi di sedicesimi, Paul Desmond crea melodie sempre equilibrate e cantabili. La sua inventiva è sorprendente, le sue linee sono essenziali ed esprimono un senso delle proporzioni tipico dei più grandi compositori.

Wendy è un brano eccezionale, anche se è stata composta in modo del tutto naturale, durante un concerto in un bar. A ricordarci questa normalità, possiamo ascoltare il rumore di piatti e posate durante l’introduzione del chitarrista Ed Bickert.

Qualcuno si indignerebbe per questi rumori, a me invece fanno sorridere. Evidentemente non hanno dato nessun fastidio a questi eccezionali musicisti, capaci di creare la propria arte anche in un bar.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Scarica lo spartito di Wendy

Vuoi ricevere le mie lezioni di musica via email?

Lezioni di armonia, teoria musicale, analisi musicale e spartiti.

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

Leggi anche...

  • Grazie per il commento di WENDY molto interessante e attento alla composizione, che ritengo sia un capolavoro. giovanni vianini alto sax stradarte comune di Milano, Italia.

  • >