Kenny Clarke & Charlie Parker, Si Si - leoravera.it
kenny clarke

Kenny Clarke & Charlie Parker, Si Si

Note di lunedì #17 Kenny Clarke e le notti al Minton's

Ogni arte ha i propri luoghi magici, dove in un certo momento è accaduto qualcosa di speciale e decisivo. Per la musica Jazz uno di questi luoghi è certamente il Minton's, dove alcuni musicisti si ritrovavano a tarda notte per interminabili jam session, magari dopo aver suonato altrove. Il batterista Kenny Clarke era uno di questi.

Charlie Parker Quintet - Si Si

Al Minton's e in altri locali simili un manipolo di musicisti andava sperimentando il nuovo linguaggio jazz. Dizzy Gillespie era uno dei protagonisti ed ha spesso indicato in Kenny Clarke il più grande innovatore della batteria jazz, il primo a spostare l'accompagnamento ritmico dalla cassa al piatto, utilizzando viceversa la cassa per commentare gli assoli dei suoi compagni, con colpi repentini ed imprevedibili che spingono il tempo avanti con grande energia.

Questa registrazione è di molto posteriore a quei primi esperimenti ed una delle poche in cui si trovano insieme Charlie Parker e Kenny Clarke. Il brano è un blues intitolato Si Si, dopo una breve introduzione di pianoforte e batteria, sassofono e tromba eseguono il tema all'unisono, formula cara ai boppers. Segue l'assolo di sax per la durata di tre chorus, poi la tromba con due chorus ed il piano con due chorus. Al minuto 2'06'' possiamo ascoltare l'ultimo chorus improvvisato, nel quale basso e batteria eseguono due misure ciascuno.

In questo pezzo possiamo apprezzare appieno la nuova e più moderna funzione della batteria: uno strumento solista al pari degli altri, che interviene durante tutto il pezzo con continui commenti, esegue un suo assolo ed infine conclude il brano con una breve efficace coda (2'35''). Kenny Clarke trascorse molti anni della sua vita a Parigi dove suonò a lungo con Bud Powell contribuendo alla diffusione del jazz moderno in Europa.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Rubrica di analisi musicale

art by Valentina Veschi

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana... e conoscere meglio la musica.

  • […] essendo uno dei protagonisti delle storiche jam sessions del Minton’s, è impossibile collocare Thelonious Monk all’interno di una qualunque corrente stilistica, […]

  • […] Gordon è una delle voci più originali del sax tenore, pur aderendo al movimento bebop il suo stile è molto personale, sobrio e misurato. Oltre che un magistrale interprete Dexter […]

  • […] saputo produrre. Musicista impossibile da classificare, dall’esordio come bopper al fianco di Charlie Parker ha cambiato stile ripetutamente sempre con risultati eccezionali, passando attraverso il jazz […]

  • >