Categorie
Note di Lunedì

Joao Gilberto Bebel Gilberto, Chega De Saudade

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

[Note di lunedì n.97] Chega De Saudade, dal Choro alla Bossanova

Joao Gilberto è il più grande interpretete della Bossanova, quello che per primo ha prestato la sua voce e la sua chitarra alle composizioni di Antonio Carlos Jobim. Una delle più note è Chega De Saudade, interpretata qui da Joao Gilberto in duetto con la figlia Bebel.

Chega De Saudade è ripartita in due sezioni, la prima in tonalità di Re Minore e la seconda in Re Maggiore. Questa sua caratteristica, non comune nella Bossanova, richiama la più antica musica popolare brasiliana, in particolare il Choro.

Vinicius de Moraes, l’autore del testo, ha sfruttato sapientemente la forma bipartita del brano. Nella prima parte, quella in modo minore, il testo è più triste, parla infatti dell’assenza dell’amata.

Chega De Saudade prima parte
La prima parte di Chega De Saudade è in tonalità di Re Minore

Nella seconda parte del brano, quella in modo maggiore, il testo è più ottimista: si parla infatti del ritorno dell’amata.

Chega De Saudade seconda arte
La seconda parte del brano è in tonalità di Re Maggiore

Chega de Saudade è uno dei brani di Jobim più difficili da cantare, la melodia è insidiosa, piena di accordi arpeggiati e di intervalli inusuali. Nella sua prima concezione il pezzo doveva essere strumentale, solo successivamente Jobim chiese a Vinicius de Moraes di aggiungere un testo.

Il pezzo viene eseguito con sicurezza da Bebel Gilberto, quattordicenne in questo video. Bebel esegue per intero la canzone (parte minore+parte maggiore), Joao Gilberto esegue di nuovo la prima parte minore ed infine Bebel canta ancora la parte maggiore. Il chitarrista di solito trasforma le canzoni con arditi spostamenti di accenti, non lo fa però in questa occasione, probabilmente per non mettere in difficoltà la giovane figlia.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Dedicato a mia figlia Eleonora che risolve equazioni con la stessa allegria con cui Bebel canta

Note-di-lunedi-Rubrica-di-analisi-musicale-Jazz-e-Rock
Art by Valentina Veschi

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz e rock: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana… e conoscere meglio la musica.

Ti può interessare

  • Lobo Bobo è nato nell'allegra casa di Nara Leao, ritrovo di giovani musicisti che stavano inventando una musica nuova: la bossanova
    Carlos Lyra album cover
  • Águas de Março risale al 1970 ma la versione più bella è quella del 1974, il duetto di Antonio Carlos Jobim con Elis Regina.
    Elis Regina
  • Ma mi è una canzone di Giorgio Strehler, musicata da Fiorenzo Carpi. Ornella Vanoni la registrò per prima, ma fu Enzo Jannacci a farne un suo classico
    enzo-jannacci-canta-ma-mi
  • Ci fu un tempo in cui la musica era una manifestazione umana. Ci fu un tempo che la gente stava in silenzio ad ascoltare. Ci fu un tempo che se la voce trema leggermente è ancora più bello. Ci fu un tempo tutto dal vivo. Ci fu un tempo che la dolcezza era una qualità.