Categorie
Note di Lunedì

Jim Hall, Concierto de Aranjuez

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

Note di lunedì n.46 Jim Hall, omaggio alla musica spagnola

Opera più famosa del compositore spagnolo Joaquin Rodrigo, il Concierto de Aranjuez è stato molto apprezzato anche dai musicisti jazz. Nell’album Sketches of Spain Gil Evans rende un’interpretazione orchestrale con poco spazio per l’improvvisazione, mentre in questa versione di Don Sebesky per il gruppo di Jim Hall si limita a definire la cornice e lascia molto all’estro dei solisti.

Il brano si apre con la chitarra che espone il tema mentre il contrabbasso esegue un suggestivo tremolo. A questi strumenti si aggiungono prima la tromba (0’47”) e poi il sax (1’27) che suona il tema nel modo maggiore. Il tema cresce piano fino al suo culmine (3’13”) poi la chitarra rimane da sola per una cadenza, così come accade più volte nella versione originale di Rodrigo.

Dal silenzio (3’38”) riemergono gli strumenti uno alla volta: basso, batteria, chitarra e piano, con quest’ultimo che suona un riff su due accordi, Dm7 e A7sus, in questo modo:

Jim Hall Concierto de Aranjuez, light rock
Jim Hall Concierto de Aranjuez, light rock

Il ritmo è binario e privo di swing, quasi un light rock. Il primo assolo è del band leader Jim Hall (4’02”), seguono il sax di Paul Desmond (6’35”) e la tromba di Chet Baker (9’12”). I tre gareggiano quanto a fantasia, freschezza dell’invenzione, logica assoluta e disarmante delle frasi melodiche. E’ una gara senza vincitori, anzi la complicità è totale ed il passaggio tra un assolo e l’altro avviene in modo fluido e naturale.

Bellissima anche l’improvvisazione del pianista Roland Hanna, che esordisce con le due mani che suonano a distanza di sedicesima (11’45”):

Jim Hall Concierto de Aranjuez, assolo di Roland Hanna
Jim Hall Concierto de Aranjuez, assolo di Roland Hanna

Il solo di piano è un capolavoro fatto di passaggi ad accordi e frasi assolutamente perfette.

Questa magia non sarebbe certamente possibile senza il sobrio accompagnamento di Ron Carter al contrabbasso e di Steve Gadd alla batteria. Per apprezzare il contributo di quest’ultimo vale la pena ascoltare con attenzione al minuto 7’34” il contrappunto del rullante alle frasi del sax, e poi l’apertura dell’accompagnamento sul piatto (7’42”). Un esempio della maestria di Gadd, ogni suo colpo è misurato e assolutamente necessario.

In questa esecuzione i musicisti trovano un’autentica comunione di intenti, spirituale prima che musicale, necessaria per opere di questo livello. Il pezzo è anche la dimostrazione che ancora negli anni ’70 il jazz sapeva contaminarsi con altre musiche, in questo caso la musica classica spagnola ed il rock, raggiungendo risultati strabilianti.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Note-di-lunedi-Rubrica-di-analisi-musicale-Jazz-e-Rock
art by Valentina Veschi

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz e rock: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana… e conoscere meglio la musica.