Categorie
Note di Lunedì

Irving Berlin, What’ll I Do. Il segreto di una buona canzone.

English flag
Read in English

[Note di lunedi n. 130] Irving Berlin è uno dei grandi autori della canzone americana. Nato in Bielorussia ed emigrato in America all’età di cinque anni, pur avendo una formazione musicale approssimativa ha raggiunto il successo grazie alla sua tenacia ed alla capacità di inventare melodie semplici ed efficaci. Ascoltiamo e analizziamo un suo pezzo poco noto e molto grazioso, What’ll I Do.

Irving Berlin iniziò a comporre melodie sul pianoforte del ristorante dove lavorava, ed ha sempre cercato di capire ed assecondare i gusti del suo pubblico. Parlando della sua musica, disse:

Una buona canzone incarna le emozioni della gente e l’autore è poco più che uno specchio, che riflette queste emozioni

irving-berlin
Irving Berlin

What’ll I Do è un pezzo nel tempo di 3/4, dalla classica forma AABA e molto semplice dal punto di vista armonico. Le composizioni jazzistiche nel tempo di 3/4 vengono chiamate anche jazz waltz, ad esempio il famoso Waltz for Debby del pianista Bill Evans.

Le prime quattro misure di What’ll I Do sono basate su una cadenza plagale, con il tipico movimento IV I. La cadenza plagale nella forma IVbm6 I (nel pezzo Dbm6 Ab) è molto comune nella musica classica, dalla quale Irving Berlin prende spunto molto spesso. Ad esempio, il suo celebre brano Cheek to Cheek utilizza il tema della Polacca Op.53 di Chopin.

La prima parte di What'll I Do
La prima parte di What’ll I Do

Nella seconda parte il pezzo modula al IV grado, Db. Alla conclusione di questa sezione, il brano ritorna alla tonica Ab. L’armonia di What’ll I Do è quindi elementare, ma del resto Berlin si proponeva di creare melodie efficaci, non certo di essere un innovatore.

La seconda parte di What'll I Do
La seconda parte di What’ll I Do

In questa versione di What’ll I Do ascoltiamo July London, un’attrice e cantante americana. Il pezzo viene da lei eseguito senza tempo, con l’accompagnamento della sola chitarra. Un’interpretazione molto delicata e adatta al testo della canzone, che parla di una storia di amore finita. Nella trascrizione ho preferito mantenere il tempo originale del brano, 3/4.

Irving Berlin è l’autore di altri brani molto famosi come Blue Skies, portato al successo da Frank Sinatra, ed il classico brano natalizio White Christmas. Durante un’intervista Berlin dichiarò anche:

“Quanto vivrà una mia canzone? Se vive dieci anni, per me è abbastanza”.

What’ll I Do è un pezzo che Irving Berlin scrisse nel 1923, e che ancora negli anni ’80 e ’90 è stato utilizzato in alcuni film e serie TV.

Le sue canzoni hanno però vissuto ben oltre dieci anni, ed alcune sono forse destinate a vivere per sempre.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Scarica lo spartito di What’ll I Do

Vuoi ricevere le mie lezioni di musica via email?

Lezioni di armonia, teoria musicale, analisi musicale e spartiti.

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

Leggi anche...

  • >