Categorie
Armonia e Teoria musicale

Introduzione al jazz: cento brani per scoprire il jazz

Parte 7, il cool jazz

Art Pepper Lost Life
Art Pepper

Quella del “cool jazz” è un’etichetta che gli stessi protagonisti hanno spesso rifiutato. I confini sono difficili da tracciare, però possiamo riconoscere a questa corrente alcune caratteristiche: il cool jazz è meno indiavolato del bebop, ricerca una classicità ed un’essenzialità che il bebop del primo periodo non aveva.

Abbiamo collocato in questo ambito musicisti che effettivamente hanno contribuito a questo nuovo suono, come Gerry Mulligan e GIl Evans, ma anche musicisti che con il cool jazz condividono un atteggiamento sofisticato, di ricerca, o comunque più moderno rispetto al jazz anni ’40. Ecco dunque la lista dei brani che abbiamo collocato nella sezione Cool Jazz:

Approfondimenti

Vuoi ricevere le mie lezioni di musica via email?

Lezioni di armonia, teoria musicale, analisi musicale e spartiti.

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

Leggi anche...

11 risposte su “Introduzione al jazz: cento brani per scoprire il jazz”

Molto interessante. Vi sono tantissimi spunti per ascolti e approfondimenti. Mi permetto di inserire un nome tra le voci maschili che, a mio avviso, merita di stare in un ipotetico pantheon del canto jazz: Mark Murphy (1932-2015).

Ciao Roberto, grazie mille del suggerimento. Approfondirò la conoscenza di Murphy, seguendo il tuo consiglio. A presto

Un articolo molto interessante, anche per la selezione dei brani che aiuta a scoprirne alcuni, nel mio caso, non conosciuti ma significativi. E’ anche una piccola raccolta che è bello conservare nel tempo.
Grazie

Certo l’epoca d’oro delle Big Band però ce ne sono state di grandi anche dopo come quella di Mel Lewis ora Vanguard Jazz Orchestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *