Categorie
Note di Lunedì

Dawn, la Mahavisnhu Orchestra tra jazz rock e musica indiana

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

[Note di lunedi n. 146] Mahavishnu Orchestra – Dawn

La Mahavishnu Orchestra di Billy Cobham e John MacLaughlin è una delle più grandi band jazz rock della storia. Il gruppo si ispira a diversi generi musicali, ma la componente più insolita è la musica tradizionale indiana, della quale il chitarrista era appassionato. Ascoltiamo e analizziamo Dawn.

Dawn fa parte del primo album della Mahavishnu Orchestra, datato 1971 e intitolato The Inner Mounting Flame. Il pezzo ha un tempo dispari, il primo tema è costruito su misure di 7/4. Normalmente i tempi dispari creano nell’ascoltatore un senso di incompiutezza, di precarietà. Non è però il caso di Dawn, il primo tema è formato da note lunghe e frasi ampie che mitigano il senso di irregolarità del 7/4. Ecco lo spartito del tema principale di Dawn.

Il tema principale di Dawn

Dopo l’esposizione del tema e qualche giro di improvvisazione, al minuto 2’32” Il brano si infiamma improvvisamente. Il secondo tema ha una forma puramente ritmica, il tempo viene raddoppiato in un 7/8, che viene a sua volta suddiviso in modo molto particolare: 4/8+4/8+3/16+3/16. Ecco la trascrizione del secondo motivo di Dawn.

Dawn secondo tema - Mahavishnu Orchestra
Il secondo tema, dal tempo raddoppiato

Non deve stupire che il secondo tema della canzone abbia una natura puramente ritmica, senza una vera e propria melodia. E’ questa l’impronta che il batterista Billy Cobham spesso imprime alle sue band, mettendo al centro del discorso musicale proprio il ritmo. Su questo pattern gli altri strumenti improvvisano, intrecciandosi.

Dal punto di vista amonico, osserviamo che Dawn ha un’armonia non funzionale. Non è un brano tonale, evidentemente, ma neppure un tipico brano modale di stampo jazzistico. Gli accordi sono affiancati secondo un criterio puramente coloristico. Nella parte [A] due accordi richiamano a scale con la #11, il il Fmaj7(#11) ma anche il A/G che potrebbe essere siglato con G7(#11).

Dawn è un pezzo delicato e potentissimo al tempo stesso. Se pensiamo che la musica voglia esprimere quanto indicato dal titolo” dawn” (alba), la parte [A] rappresenta la luce delicata che precede l’alba, quando il sole ancora non si vede. La parte [B] è invece la luce diretta del sole, bruciante e violenta, che appare improvvisamente dietro l’orizzonte. Una luce che è vita ma può anche ferire, come tutta la grande musica.

Al prossimo lunedì!

Scarica lo spartito di Dawn – Mahavishnu Orchestra

Scarica lo spartito

Note-di-lunedi-Rubrica-di-analisi-musicale-Jazz-e-Rock

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz e rock: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana… e conoscere meglio la musica.

Ti può interessare

  • Non è facile ascoltare Arbeit macht frei senza pensare al contesto degli anni '70. Si tratta tuttavia di uno straordinario brano jazz-rock
    Area-Arbeit-macht-frei-album-cover
  • Azimut è costruito sulla scala pentatonica ed ha sfumature di progressive rock, jazz, musica orientale. Ecco analisi del brano e spartito.
    Perigeo-gruppo-musicale-Azimut-1200
  • Arjen's Bag è tratto dall'album Extrapolation del chitarrista inglese John McLaughlin. Analizziamo questo insolito blues dal tempo dispari
    John-McLaughlin-Arjens-Bag