Categorie
Note di Lunedì

Chet Baker, Do It the Hard Way

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

[Note di lunedì n.32] Chet Baker, la voce come uno strumento

Chet Baker è stato un grande trombettista e cantante, la sua vicenda è ugualmente straordinaria sia dal punto di vista musicale che da quello biografico. Schiavo di una tossicodipendenza durata per oltre trent’anni quasi ininterrottamente, nella sua vita è passato ripetutamente da vette di bellezza e successo a profondi baratri di desolazione e degrado. Ascoltiamo la sua interpretazione di un brano di Rodgers-Hart, Do It the Hard Way.

Chet Baker arrivò al successo ancor giovane grazie al suo viso d’angelo, ad una capacità di seduzione senza pari e ad un talento musicale istintivo. Chet suonava preferibilmente canzoni, che spesso ricreava e plasmava grazie ad ineguagliate doti di melodista.

Dopo l’introduzione del pianista Kenny Drew, Chet canta il tema (0’14”) senza stravolgere in alcun modo la melodia eppure imprimendole una forte spinta in avanti. Provate ad immaginare il canto senza l’accompagnamento degli altri strumenti: la pulsazione è fortissima, il ritmo sembra scaturire dalla voce stessa che rende quasi superflua la sezione ritmica.

Dopo il tema, la voce assume la funzione di strumento (1’01”) per una linea improvvisata dalle proporzioni perfette. Oltre al vigoroso carattere swing, apprezziamo anche la totale chiarezza degli accordi, Chet si muove infatti sopra di essi come un musicista bop, ricamandoli senza mai abbandonarli. Ancora una volta, anche senza pianoforte non avremmo difficoltà a capire perfettamente l’armonia del brano.

L’improvvisazione cantata ha la durata di un chorus intero, così come il successivo assolo del pianoforte (1’46”). La ripresa del tema (2’31”) avviene invece da metà brano, il cantante ripete solo la seconda strofa della canzone. Tutto ciò accade in soli di tre minuti, un vero capolavoro di sintesi ed essenzialità. Questa registrazione ci fa apprezzare il Chet Baker cantante, la prossima settimana ascolteremo invece Chet Baker trombettista, non meno affascinante e sorprendente. Al prossimo lunedì!

Arrivederci al prossimo lunedì!

Note-di-lunedi-Rubrica-di-analisi-musicale-Jazz-e-Rock
art by Valentina Veschi

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz e rock: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana… e conoscere meglio la musica.

Ti può interessare

  • Gerry Mulligan inventò il gruppo jazz senza pianoforte, vediamo come funziona analizzando Bernie's Tune, un tipico brano cool jazz
    Chet-Baker-Gerry-Mulligan-Bernies-Tune
  • Little Girl Blue è un tema molto elegante, proporzionato. Il brano perfetto per la tromba di Chet Baker, che dosa le note con misura perfetta
    chet-baker
  • My Funny Valentine è un classico standard jazz di Rodgers e Hart, costruito su una precisa idea melodica e le sue variazioni
    Sarah-Vaughan-My-Funny-Valentine