Categorie
Note di Lunedì

Bud Powell, Tempus Fugit

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

[Note di lunedì n.20] Tempus Fugit, il pianoforte vola sotto le mani di Bud Powell

Bud Powell realizzò sul pianoforte le innovazioni che Charlie Parker e Dizzy Gillespie avevano sperimentato sugli strumenti a fiato. Pianista eccezionale, la sua musica ha spesso una profondità che colpisce e disorienta, paralizzando l’ascoltatore con un effetto quasi ipnotico.

Il titolo di Tempus Fugit allude alla folle velocità del brano musicale, metafora dello scorrere del tempo nella vita. Il brano ha forma AABA, notiamo però la presenza di elementi aggiuntivi: l’introduzione che precede il tema principale, l’interludio che precede le improvvisazioni (0’34”). Il brano, pur nella sua brevità, è dunque vario ed articolato.

Durante l’improvvisazione notiamo notiamo un interessante effetto di scomposizione ritmica. Al minuto 1’05” ascoltiamo una frase di tre quarti che si ripete per sei volte, collocata in modo obliquo sul tempo di 4/4 del brano:

Bud Powell Tempus Fugit, frase ripetuta
Bud Powell Tempus Fugit, frase ripetuta

Lo stesso procedimento si ripete poco dopo con una seconda frase (1’11”, esempio 2) , che viene impiegata di nuovo più avanti iniziando però sul quarto movimento della misura (1’30”, esempio 3):

tempus fugit esempio 2
tempus fugit esempio 3

In questi tre esempi il tempo di 4/4 del brano e le frasi di 3/4 ripetute creano una poliritmia ed un senso di sospensione e di ansia, se non addirittura di angoscia. Non è forse quello che proviamo quando pensiamo alla vita ed al tempo che passa, inesorabile e fuori dal nostro controllo?

Vista la velocità notevole dell’esecuzione, Tempus Fugit è un esercizio di straordinaria abilità pianistica. E’ inoltre una composizione carica di significati, nella quale tema, struttura ed improvvisazione concorrono ad un preciso obiettivo concettuale ed artistico.

Bud Powell fu insieme a Thelonious Monk tra i maggiori protagonisti della rivoluzione bebop al pianoforte, i suoi anni a Parigi sono raccontati nel libro di Francis Paudras La danza degli infedeli.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Note-di-lunedi-Rubrica-di-analisi-musicale-Jazz-e-Rock
art by Valentina Veschi

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz e rock: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana… e conoscere meglio la musica.

Ti può interessare

  • Jelly Roll Morton era un musicista meticoloso e fantasioso, nei suoi brani dimostra un grande senso della forma, come in Hyena Stomp.
    Jelly-Roll-Morton-e-la-New-Orleans-Jazz-Band
  • La musica di Count Basie ha le sue radici a Kansas City e nel blues, il suo contributo allo sviluppo del jazz fu notevole per l'uso dei riff.
    count-basie
  • Per comprendere pienamente il talento e l'abilità di Art Tatum bisogna ascoltare i passaggi ad accordi a centro tastiera, nel suo classico Tea for Two
    art-tatum
  • Powell fu ” il pianista ” bop per eccellenza che ha lasciato testimonianze della trasposizione al piano del linguaggio parkeriano, nitido, brillante nel costrutto ritmico cui intere generazioni di pianisti jazz hanno fatto riferimento( a cominciare dal siculo-americano Giacinto Figlia – palermitano- in arte George Wallington , che lo sostituì nel quintetto del trombettista Dizzy Gillespie ). Purtroppo la sua produzione discografica associa momenti di grande ispirazione a stati depressivi nei quali il rendimento come per tutti i tossicodipendenti, è meno apprezzabile ,tuttavia il dinamismo delle sue dita , (che avevano avuto precedenti in Tatum, che lo definì ” pianista con la sola destra” , per l’uso eccessivo di quest’ultima e poco della sinistra, ma una sera Bud gli diede la risposta incontrandolo in un locale eseguendo ” Sometimes I’m Happy ” solo con la sinistra , lasciandolo senza parola …) trovava spinta , iper- eccitazione ,in quelle polveri bianche che lo portarono lentamente verso un tunnel senza uscita …

    Piero Terranova – jazzista e musicologo –