Categorie
Note di Lunedì

Bing Crosby, White Christmas

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

[Note di lunedì n.43] Buon Natale con Bing Crosby

Bing Crosby è stato attore e cantante, un grande interprete della canzone americana. Avvalendosi di progressi tecnologici quali microfoni più sensibili e radiofonia, Bing Crosby fu tra i primi ad adottare uno stile di canto sussurrato, intimo e confidenziale.

White Christmas è un brano composto nel 1942 da Irvin Berlin, un’altra colonna portante della musica americana. Pare che il brano fu proposto a Frank Sinatra, che lo rifiutò in quanto giudicato poco efficace. Se è andata davvero così, Sinatra si è sbagliato di molto!

La melodia ha un inizio interamente cromatico, nelle prime quattro misure si muove sempre per semi-toni. Nelle successive misure 5-8 il tema si allarga su un movimento diatonico all’interno della scala di La Maggiore.

White Christmas, la prima frase del tema
White Christmas, la prima frase del tema

Il tema della di White Christmas alterna note lunghe e figure di semiminima, a misura 4 indugia sulla parola Christmas che viene doppiamente sottolineata dal cromatismo re# mi e dallo spostamento ritmico creato dalla successione semiminima – minima puntata (1/4 + 3/4).

L’arrangiamento è lezioso e prevedibile, come è normale attendersi da in una canzone natalizia. Tuttavia, per misurare l’abilità di Bing Crosby è sufficiente prestare attenzione ad alcuni dettagli: al minuto 0′ 44” il cantante prolunga la parola snow per ben cinque secondi, con un controllo del suono che è sorprendente, visto che la nota è attaccata e mantenuta con la dinamica pianissimo (pp).

Durante l’esecuzione del tema da parte del coro (1’29”) il cantante esegue un delizioso passaggio in contrappunto, fischiettando (2’09”):

White Christmas, Bing Crosby fischiettando
White Christmas, Bing Crosby fischiettando

Questo passaggio dimostra che dietro alla figura stereotipata di “buon padre e buon americano” che Bing Crosby ha interpretato in tutta la sua carriera, si celava un artista di prim’ordine.

Arrivederci al prossimo lunedì!

Note-di-lunedi-Rubrica-di-analisi-musicale-Jazz-e-Rock
art by Valentina Veschi

Note di lunedì rubrica di analisi musicale dedicata ai grandi classici della musica jazz e rock: ogni lunedì un brano con annotazioni tecniche e curiosità. Per iniziare bene la settimana… e conoscere meglio la musica.

Ti può interessare

  • Irving Berlin è uno dei grandi autori della canzone americana. Proviamo a capire i suoi segreti ascoltando e analizzando What'll I Do
    Julie-London
  • My Funny Valentine è un classico standard jazz di Rodgers e Hart, costruito su una precisa idea melodica e le sue variazioni
    Sarah-Vaughan-My-Funny-Valentine
  • Coetanea di Bessie Smith, Ethel Waters è una delle grandi caposcuola del canto jazz. Ascoltiamo Don't Blame Me, una canzone di Dorothy Fields
    Ethel-Waters-Dont-Blame-Me