Categorie
Parliamo di Musica

100 brani per conoscere la musica italiana

Nella storia della musica italiana si trovano tanti capolavori, brani e canzoni che meritano di essere conosciuti e ricordati. Ho pensato di scrivere una lista di 100 brani che possano servire per conoscere il meglio della musica italiana, di tutti i tempi. Un compito arduo, reso meno complicato dai suggerimenti che tanti lettori di questo blog mi hanno dato. Ecco dunque la mia lista di 100 brani per conoscere la musica italiana.

Come ho selezionato i 100 brani per conoscere la musica italiana

Se lo si vuole prendere seriamente, per un lavoro di questo tipo sono necessari dei criteri ben precisi. Non voglio scrivere la playlist dei miei brani preferiti, ma realizzare una lista che abbia un valore di sintesi e che non trascuri niente di importante. Ecco dunque i criteri che ho seguito:

  • Per comodità e per non dimenticare nessuno, ho diviso la lista in sei gruppi: classici, cantautori, voci maschili, voci femminili, gruppi musicali, rock italiano.
  • Non ho scelto più di un brano per ciascun artista. Se dovessi scegliere i 100 brani che mi piacciono di più, sicuramente selezionerei più di un brano di Luigi Tenco. Non l’ho fatto: nella lista ogni figura di rilievo è presente una sola volta. Alcuni di questi musicisti potrebbero essere inseriti in più di una categoria. Anche in questi casi, ne ho scelta una evitando di ripetere due canzoni dello stesso artista.
  • Ho scelto musicisti o interpreti la cui popolarità sia durata almeno un decennio. Questo mi ha imposto di trascurare artisti validi, ma la cui attività è durata pochi anni, o che hanno prodotto un solo brano di grande successo.
  • Questa lista prende in considerazione il repertorio della grande canzone italiana, la musica dei cantautori o comunque il repertorio pop e rock. Non include quindi musicisti che si sono mossi in altri ambiti, ad esempio quello della musica da film, la musica dance, la musica hip hop ecc.
  • Non ho scelto necessariamente i brani “più belli”, ma uno di quelli più rappresentativi. Ad esempio, “La guerra di Piero” non è il brano più originale e interessante di Fabrizio de Andrè, da un punto di vista musicale. Però è uno dei brani più rappresentativi della sua poetica e delle sue tematiche.
  • Nella lista figurano brani dagli anni ’50 in poi. Ho ritenuto che il grosso della canzone italiana si sia consolidato a partire dal dopoguerra.

Malgrado questo tentativo di procedere con ordine e seguire dei criteri precisi, la mia lista sarà inevitabilmente arbitraria e parziale. Conto di migliorarla nel tempo, grazie all’aiuto di chi vorrà lasciare un commento, o scrivermi in privato. Veniamo dunque alla prima categoria, i grandi classici della musica italiana degli anni ’50 e ’60.

Classici della musica italiana degli anni ’50 e ’60

I grandi classici della musica italiana anni 60 Luigi Tenco
Luigi Tenco

In questo gruppo trovano spazio canzoni degli anni ’50 e ’60, canzoni che sono figlie di un periodo ben preciso della nostra storia: il dopoguerra. Queste canzoni hanno risentito dell’influenza della musica americana ed internazionale, tuttavia in Italia sono sbocciati musicisti ed autori di grande talento, capaci di creare un proprio stile originale. Tutti questi brani hanno segnato la loro epoca e sono diventati dei classici, creando una nuova idea di musica italiana anche all’estero. Ecco autori e brani selezionati, in ordine alfabetico.

  1. “Abbronzatissima”, Edoardo Vianello
  2. “Arrivederci Roma”, Renato Rascel
  3. “Azzurro”, Adriano Celentano
  4. “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stone”, Gianni Morandi
  5. “Champagne”, Peppino Di Capri
  6. “La partita di pallone”, Rita Pavone
  7. “Era de Maggio”, Roberto Murolo
  8. “Estate”, Bruno Martino
  9. “Grazie dei fiori”, Nilla Pizzi
  10. “Guarda che luna”, Fred Buscaglione
  11. “Il mondo”, Jimmy Fontana
  12. “O sole mio”, Claudio Villa
  13. “Parlami d’amore Mariù”, Achille Togliani
  14. “Quando, quando, quando”, Tony Renis
  15. “Roma nun fa la stupida stasera”, Armando Trovajoli
  16. “Romagna mia”, Luciano Tajoli
  17. “Tu vuo’ fa l’americano”, Renato Carosone
  18. “Una rotonda sul mare”, Fred Bongusto
  19. “Vedrai, vedrai”, Luigi Tenco
  20. “Volare”, Domenico Modugno

I grandi cantautori italiani

fabrizio de andré i grandi cantautori italiani
Fabrizio De André

La musica italiana è molto legata ad un grande numero di cantautori, musicisti e cantanti che hanno scritto e interpretato le proprie canzoni. Questo gruppo è dunque il più nutrito. Alcuni di questi musicisti hanno scritto musica anche per altri, ma tutti hanno interpretato in prima persona alcune delle proprie canzoni.

  1. “1950″, Amedeo Minghi.
  2. “4/3/1943”, Lucio Dalla
  3. “Alla fiera dell’est”, Angelo Branduardi
  4. “Arrivederci”, Umberto Bindi
  5. “Bambini”, Paola Turci
  6. “Bella senz’anima”, Riccardo Cocciante
  7. “Ci vorrebbe il mare”, Marco Masini
  8. “Eskimo”, Francesco Guccini
  9. “Fiore di maggio”, Fabio Concato
  10. “Genova per noi”, Bruno Lauzi
  11. “Il cielo in una stanza”, Gino Paoli
  12. “Il mio canto libero”, Lucio Battisti
  13. “Io che amo solo te”, Sergio Endrigo
  14. “L’amore è tutto qui”, Piero Ciampi
  15. “L’isola che non c’è”, Edoardo Bennato
  16. “La costruzione di un amore, Ivano Fossati
  17. “La cura”, Franco Battiato
  18. “La donna cannone”, Francesco De Gregori
  19. “La guerra di Piero”, Fabrizio De André
  20. “Luce (tramonti a nord est)”, Elisa
  21. “Luci a San Siro”, Roberto Vecchioni
  22. “L’ultimo bacio”, Carmen Consoli
  23. “Ma il cielo è sempre più blu”, Rino Gaetano
  24. “Mare, mare”, Luca Carboni
  25. “Notte prima degli esami”, Antonello Venditti
  26. “Piccolo grande amore”, Claudio Baglioni
  27. “Quando”, Pino Daniele
  28. “Tutto il resto è noia”, Franco Califano
  29. “Vengo anch’io, no tu no”, Enzo Jannacci
  30. “Via con me”, Paolo Conte
  31. “Vorrei incontrarti tra 100 anni”, Ron

Le voci maschili

Le grandi voci maschili italiane, Renato Zero
Renato Zero

In questo gruppo ho raccolto alcuni cantanti, voci maschili che hanno riscosso un grande e duraturo successo. Qualcuno di questi ha firmato le proprie canzoni, ma non li considero dei veri e propri cantautori, ma piuttosto degli interpreti.

  1. “Con te partirò”, Andrea Bocelli
  2. “Felicità”, Al Bano
  3. “I migliori anni della nostra vita”, Renato Zero
  4. “Il portiere di notte”, Enrico Ruggeri
  5. “Perdere l’amore”, Massimo Ranieri
  6. “Più bella cosa”, Eros Ramazzotti
  7. “Sognami”, Biagio Antonacci
  8. “Ti amo”, Umberto Tozzi
  9. “Ti lascerò”, Fausto Leali

Le voci femminili

Mia Martini le grandi voci italiane
Mia Martini

Nella storia della musica italiana ci sono alcune grandi voci femminili, la maggior parte di queste ha avuto una carriera lunghissima ed ha interpretato un repertorio molto vasto. Spesso, queste cantanti hanno riproposto i brani dei grandi cantautori, rendendoli ancora più belli e interessanti.

  1. “Almeno tu nell’universo”, Mia Martini
  2. “Come saprei”, Giorgia
  3. “Fin che la barca va”, Orietta Berti
  4. “Io domani”, Marcella Bella
  5. “La solitudine”, Laura Pausini
  6. “Parole, parole”, Mina
  7. “Pensiero stupendo, Patty Pravo
  8. “Quello che le donne non dicono”, Fiorella Mannoia
  9. “Sempre”, Gabriella Ferri
  10. “Senza fine”, Ornella Vanoni
  11. “Violino Tzigano”, Milva

Le grandi band nella musica italiana

Matia Bazar le grandi band italiane
Matia Bazar

Le band hanno avuto un ruolo diverso, in epoche diverse. A parte qualche eccezione, la musica più recente è musica di interpreti solitari, la maggior parte delle band che ho preso in considerazione appartengono dunque al periodo degli anni ’60-’80.

  1. “Applausi”, I Camaleonti
  2. “Canzoni alla radio”, Stadio
  3. “I ricordi della sera”, Quartetto Cetra
  4. “Impressioni di settembre”, Premiata Forneria Marconi PFM
  5. “Io mi fermo qui”, Dik Dik
  6. “Io vagabondo”, Nomadi
  7. “La terra dei cachi”, Elio e le storie tese
  8. “Moby Dick”, Banco del mutuo soccorso
  9. “Noi due nel mondo e nell’anima”, Pooh
  10. “Quella carezza della sera”, New Trolls
  11. “Sarà perché ti amo”, Ricchi e poveri
  12. “Sguardo verso il cielo, Le Orme
  13. “Ti sento”, Matia Bazar

Il rock Italiano

Vasco Rossi il rock italiano

Quello del rock italiano è un mondo che in parte si sovrappone alla canzone d’autore. Ho menzionato solo le figure più importanti, quelle che hanno fortemente influito sui propri contemporanei, in alcuni casi inaugurando dei filoni veri e propri. Alcuni di loro si sono ispirati chiaramente a precisi linguaggi della musica internazionale, ma hanno comunque saputo creare un proprio suono. Ho cercato di menzionare artisti di epoche diverse, e di coprire diversi generi musicali al confine con il repertorio della canzone.

  1. “Albachiara”, Vasco Rossi
  2. “Bello e impossibile”, Gianna Nannini
  3. “Certe notti”, Ligabue
  4. “El diablo”, Litfiba
  5. “Gioia e rivoluzione, Area
  6. “Il mare d’inverno”, Loredana Berté
  7. “Laura non c’è”, Nek
  8. “Liberi di liberi da”, Dirotta su Cuba
  9. “Moby Dick”, Banco del mutuo soccorso
  10. “Senza una donna”, Zucchero

Conclusioni, la grande musica italiana da non dimenticare

La lista nasce volutamente incompleta: sono arrivato a circa 90 titoli, sapendo che riceverò suggerimenti e consigli dai miei lettori. Compilare questa lista è stato per me un piacevole passatempo, e modo per approfondire la conoscenza di musicisti che conoscevo poco. Spero che possa servire come “introduzione alla musica italiana”, e che contribuisca a mantenere e promuovere la nostra grande tradizione musicale. A seguire, il link con la playlist di spotify.

Aiutami a diffondere l'amore per la musica

Leggi anche...